Villaggio Globale

Villaggio Globale, mediante un sistema di articoli connessi fra loro e scritti da scienziati, docenti universitari o da divulgatori specializzati, affronta su argomenti monotematici i problemi che preoccupano l’attuale società e stanno mettendo in pericolo la vivibilità delle generazioni future.

Lo studio di Climate Action Tracker (Cat)

Clima, gli Usa perdono la leadership

Secondo l'analisi che ha riguardato Cina, India e Stati Uniti, gli sviluppi positivi sull'utilizzo del carbone in Cina e in India potrebbero ridurre la crescita globale delle emissioni di carbonio da circa due a tre miliardi di tonnellate entro il 2030 rispetto alle previsioni fatte un anno fa. «Le rinnovabili sono ora competitive in termini di costi e gli impianti sono costruiti ad una velocità molto più rapida delle centrali elettriche a carbone»

Entro il 2030 potrebbe esserci un'impennata delle emissioni globali di CO2. È la conseguenza delle politiche annunciate da Trump e le scelte ecologiche di Cina e India riusciranno solo in parte ad attutire questa eventualità.
Sono i risultati dello studio presentato oggi a Berlino del Climate Action Tracker (Cat), si tratta di uno studio congiunto cui fanno parte Climate Analytics, Ecofys e NewClimate Institute.
Secondo l'analisi che ha riguardato Cina, India e Stati Uniti, gli sviluppi positivi sull'utilizzo del carbone in Cina e in India potrebbero ridurre la crescita globale delle emissioni di carbonio da circa due a tre miliardi di tonnellate entro il 2030 rispetto alle previsioni fatte un anno fa. Nel frattempo, sia la Cina sia l'India sono destinati a superare i loro impegni climatici dell'accordo di Parigi. Il consumo di carbone in Cina è diminuito per tre anni consecutivi (2013 a 2016) e si prevede un lento declino continuo. L'India ha dichiarato che le sue centrali elettriche a carbone potrebbero non essere necessarie. Se implementa pienamente le politiche recentemente annunciate, l'India potrebbe vedere un rallentamento significativo della crescita delle emissioni di CO2 nel prossimo decennio.
In pratica la leadership globale sul clima sta cambiando. Solo cinque anni fa, l'idea della Cina o dell'India di fermare o addirittura rallentare l'uso del carbone era considerato un ostacolo insormontabile, vista la determinazione dimostrata di voler soddisfare le esigenze energetiche di quei paesi, sottolinea Bill Hare di Climate Analytics. Ma ora, le recenti osservazioni dimostrano che questi Paesi stanno per superare la sfida.

 

clima usa

 

«Negli ultimi dieci anni il mercato dell'energia è stato trasformato: il prezzo delle energie rinnovabili dal vento e dal solare è diminuito drasticamente - ha dichiarato Yvonne Deng dell'Ecofys, società di Navigant -. Le rinnovabili sono ora competitive in termini di costi e gli impianti sono costruiti ad una velocità molto più rapida delle centrali elettriche a carbone».

L'Amministrazione di Trump rimane indecisa sulla sua posizione generale sull'accordo di Parigi. Una riduzione del suo contributo nazionale determinato (Ndc) o un ritiro completo dall'accordo di Parigi sarebbe in contraddizione con lo spirito e con l'esigenza dell'accordo di Parigi per aumentare l'azione climatica.
Se il Cat dovesse valutare le politiche attuali dell'amministrazione Trump come Ndc, lo sposterebbe da «Medio» a «Inadeguato» sulla sua scala di rating.

Analisi dettagliate di Stati Uniti 

Analisi dettagliate della Cina 

Analisi dettagliate dell'India 

Tags: