Villaggio Globale

Villaggio Globale, mediante un sistema di articoli connessi fra loro e scritti da scienziati, docenti universitari o da divulgatori specializzati, affronta su argomenti monotematici i problemi che preoccupano l’attuale società e stanno mettendo in pericolo la vivibilità delle generazioni future.

Il II convegno nazionale

Sicurezza alimentare - Pochi fondi in veterinaria

La contrazione di fondi, unita all'estendersi del processo di globalizzazione, ai mutamenti climatici ed allo sviluppo o alla recrudescenza di agenti patogeni, conduce ad uno scenario pressoché simile in tutta Europa, dove i rischi legati alle malattie animali ed alla sicurezza alimentare sono sempre in aumento

Si è svolto a Roma il II Convegno nazionale dedicato alla ricerca veterinaria finalizzata alla salute pubblica. Protagonisti dell'evento tutti gli enti pubblici di ricerca su scala nazionale: Istituto superiore di sanità (Iss), ministero della Salute, Università e tutti i 10 Istituti Zooprofilattici Sperimentali (Iizzss) dislocati sul territorio.

Scopo dell'evento è stato quello di dimostrare come, attraverso un approccio integrato delle diverse discipline, si può fare ricerca partendo dalle realtà territoriali fino ad un'Europa senza confini. Come ha sottolineato Romano Marabelli, Capo Dipartimento per la Sanità Pubblica Veterinaria, la Nutrizione e la Sicurezza degli Alimenti presso il ministero della Salute, possiamo affermare che la ricerca sanitaria sta attraversando uno dei periodi più bui ed interessanti degli ultimi anni. Il budget totale annuale destinato alla ricerca in sanità animale e sicurezza alimentare degli Stati Membri e Associati all'Unione europea si è aggirato, nell'ultimo anno, intorno ai 750 milioni di euro. Sebbene questa possa sembrare una signora cifra, stabile in riferimento agli ultimi anni, in alcuni Paesi assistiamo a tagli importanti dei fondi per la ricerca.

Questa contrazione di fondi, unita all'estendersi del processo di globalizzazione, ai mutamenti climatici ed allo sviluppo o alla recrudescenza di agenti patogeni, conduce ad uno scenario pressoché simile in tutta Europa, dove i rischi legati alla zootecnia, alle malattie animali, alle zoonosi ed alla sicurezza alimentare sono sempre in aumento. La risposta a queste problematiche, secondo il dott. Marabelli, è affidata alla scienza, motivo per cui la ricerca giocherebbe un ruolo chiave nello sviluppo di politiche di controllo delle malattie e nella prevenzione finalizzata alla salute pubblica.

Tuttavia, altro freno allo sviluppo di una ricerca efficace è rappresentato dalle modalità di finanziamento dei progetti, spesso troppo frammentate e divise tra Stati Membri, Stati Associati e Commissione europea. All'interno degli Stati Membri c'è poi un'ulteriore frammentazione nell'utilizzo dei fondi, che coinvolge Ministeri e Cnr, includendo ancora troppo raramente il co-finanziamento di industrie private, zootecniche o alimentari. L'accesso ai finanziamenti destinati alla ricerca sanitaria nel nostro Paese è legato a programmi nazionali generali o a programmi molto meno visibili. La mancanza o la scarsità di coordinamento tra enti finanziatori porta, non di rado, ad una duplicazione degli sforzi in alcune aree ed alla noncuranza di altre. Migliorare il coordinamento fra queste attività è un passo strategico, l'unico che garantirebbe un sostegno efficace all'Ue. A questo scopo risulta logica la creazione di reti fra ricercatori, come Epizone o Med-Vet-Net, tanto volute e favorite dall'Unione europea.

In conclusione, Marabelli ha parlato del caso Italia. La nostra penisola, infatti, ha una peculiare organizzazione dei servizi veterinari pubblici, differentemente da quanto avviene negli altri Stati Membri. La veterinaria pubblica, nel nostro Paese, è affidata a strutture sanitarie, dipendenti dal ministero della Salute e non dal ministero delle Politiche Agricole e Forestali, come invece accade nel resto d'Europa. Siamo, per questo motivo, un caposaldo in materia di sanità e benessere animale, nonché nel campo della sicurezza alimentare.

L'Iss e gli Iizzss, insieme agli altri enti di ricerca che operano nel settore sanitario, sono cresciuti, adattandosi ai modelli europei di ricerca e partecipando allo sviluppo di nuove strategie diagnostiche. Gli Iizzss, in particolare, operano da ponte fra le attività legate alla salute pubblica e quelle inerenti il settore agro-alimentare, mantenendo flussi di informazioni costanti con il territorio regionale in materia di vigilanza e controllo della sanità animale, delle produzioni primarie e dei processi di trasformazione. Ciò consente al nostro Paese di effettuare una buona valutazione e prevenzione dei rischi legati ai prodotti alimentari di origine animale, in ottemperanza ai criteri legislativi regionali, nazionali e comunitari.

Alla luce di questo, il II Convegno nazionale di Sanità Pubblica Veterinaria si è prefisso ed ha raggiunto lo scopo di promuovere la ricerca, soprattutto quella italiana, che è efficace sia perché all'avanguardia e sia perché resta fortemente legata alle necessità locali del territorio da cui si genera.

Maurizia Pallante, Medico veterinario, specialista in ittiopatologia

Tags: