Villaggio Globale

Villaggio Globale, mediante un sistema di articoli connessi fra loro e scritti da scienziati, docenti universitari o da divulgatori specializzati, affronta su argomenti monotematici i problemi che preoccupano l’attuale società e stanno mettendo in pericolo la vivibilità delle generazioni future.

Primi bilanci

Buoni dati per il turismo in Puglia

In tempi di crisi il comparto tiene e si vede, la regione si conferma metà preferita per migliaia di turisti. Non solo mare, ma anche arte e cultura. L'offerta turistica della regione (ancora poco destagionalizzata) ha tenuto ferma la barra e, anzi, ha incrementato le presenze rispetto al 2009

Il bilancio del settore turistico dell'anno corrente nella regione Puglia si avvia a chiudere in positivo. In effetti da una prima occhiata ai dati pervenuti (ancora incompleti) presso l'Apt si può constatare un aumento delle presenze in loco, oltre che degli arrivi negli aeroporti e nei porti pugliesi.

Le zone più gettonate risultano essere il Gargano e il Salento, ma anche le altre province, quella barese e nord barese in particolare, si sono difese bene, chiudendo il bilancio turistico registrando un aumento sostenuto rispetto allo scorso anno.

Le considerazioni da fare a questo punto sono due: la necessità di destagionalizzare l'offerta turistica e puntare sugli stranieri, poiché ad oggi la percentuale di presenze straniere in Terra di Puglia si attesta ancora attorno al 15% sul totale delle visite.

Il commissario dell'Agenzia di promozione turistica regionale, prof. Franco Chiarello, in una sua dichiarazione ha sottolineato che «occorre migliorare la qualità dell'offerta. Lavorare meglio sulla tempistica della promozione». Tra l'altro, continua Chiarello, «è necessario adoperarsi per migliorare le infrastrutture di mobilità interna alla regione» poiché «oggi è più facile raggiungerla dall'esterno che muoversi speditamente al suo interno», in questo senso «le ferrovie locali possono diventare una straordinaria risorsa per migliorare la mobilità dei cittadini residenti e dei cittadini ospiti».

Vito Stano

Tags: