Villaggio Globale

Villaggio Globale, mediante un sistema di articoli connessi fra loro e scritti da scienziati, docenti universitari o da divulgatori specializzati, affronta su argomenti monotematici i problemi che preoccupano l’attuale società e stanno mettendo in pericolo la vivibilità delle generazioni future.

Giornata mondiale «World Wildlife Day» dedicata dall'Onu alla fauna selvatica

Il futuro della fauna selvatica è nelle nostre mani

È il tema della giornata quest'anno e rafforza il legame indissolubile tra la fauna selvatica, le persone e lo sviluppo sostenibile e consegna una forte responsabilità ad ogni generazione per la salvaguardia della fauna selvatica conferendo anche la necessità urgente di azioni nazionali che vadano a garantire la sopravvivenza, in natura, di tutte le specie

Oggi, 3 marzo, si celebra la Giornata Mondiale «World Wildlife Day» dedicata dall'Onu alla fauna selvatica. Una giornata che rappresenta l'occasione per celebrare le molte forme belle e varie della flora e fauna selvatiche al fine di aumentare la consapevolezza della moltitudine di benefici che la conservazione offre alla popolazione intera e, allo stesso tempo, ricordare l'urgenza di intensificare la lotta contro i crimini ai danni della fauna selvatica, crimini che hanno un forte impatto economico, ambientale e sociale.
World Wildlife Day ha un valore intrinseco e contribuisce agli aspetti ecologici, genetici, sociali, economici, scientifici, educativi, culturali, ricreativi ed estetici dello sviluppo sostenibile e il benessere umano ed è per tutte queste ragioni che tutti gli Stati membri, il sistema delle Nazioni Unite e altre organizzazioni internazionali, come pure la società civile, le organizzazioni non governative e singoli individui, vengono annualmente invitati, simbolicamente in questo giorno, ad osservare e a sentirsi coinvolti in questa celebrazione globale rivolta alla flora e alla fauna selvatica dove tutti, nel loro piccolo, possono intervenire e dare un contributo andando a svolgere un ruolo positivo nella denuncia, ad esempio, del commercio illegale di specie selvatiche.
Il tema della giornata in quest'anno è «Il futuro della fauna selvatica è nelle nostre mani», tema che rafforza il legame indissolubile tra la fauna selvatica, le persone e lo sviluppo sostenibile e consegna una forte responsabilità ad ogni generazione per la salvaguardia della fauna selvatica da affidare alle generazioni successive conferendo anche la necessità urgente di azioni nazionali che vadano a garantire la sopravvivenza, in natura, di tutte le specie.
Ed anche in Italia si celebra il World Wildlife Day che Wwf Italia dedica al lupo, simbolo della ripresa dei grandi carnivori in Europa e principale vittima di rinascenti moderni «lupari» lungo il Vecchio Continente. Il Wwf giudica negativamente l'incombente Piano di gestione proposto dal ministero dell'Ambiente, piano ancora in discussione e che prevede l'applicazione della deroga alla tutela della specie consentendo l'abbattimento di «Stato» fino a 60 lupi l'anno, una soluzione non efficace e pericolosa, frutto delle pressioni di una componente minoritaria della società e dello stesso mondo agricolo.
Il lupo che il Wwf ritiene una specie straordinaria che appartiene alla nostra cultura, che ha un indiscutibile ruolo nel mantenimento di ecosistemi sani e ricchi e che è diventato anche fonte di reddito per un ecoturismo che vede nella valorizzazione delle risorse naturali e nell'esperienza diretta dei luoghi ad alto valore di biodiversità una chiave di successo sempre più apprezzata.
Elementi positivi che poco si sposano con la scelta di abbattere «per legge» questa specie andando a fare gli interessi di pochi e soprattutto riconoscendo il fallimento del precedente Piano di gestione del Lupo, mai applicato fino in fondo, e con il quale si sarebbero dovute mettere in atto iniziative di prevenzione degli attacchi al bestiame, controllo, informazione ed educazione.
E in occasione del World Wildlife Day il Wwf ha lanciato l'Operazione «richiamo del lupo» a sostegno della Petizione #soslupo, petizione in cui si chiede di cancellare dal nuovo Piano per la conservazione e gestione del lupo l'ipotesi di uccisioni in deroga alle norme di tutela e di mettere in pratica tutte le soluzioni possibili per una convivenza con la specie.
L'Operazione «richiamo del lupo» è un'esperienza in cui si potrà vivere, attraverso il sito www.wwf.it e per tutta la Giornata del 3 Marzo, l'emozionante richiamo tra i membri del branco di lupi potendo inviare e condividere il proprio «ululato» sul profilo personale e su quelli Social di Wwf, FB e TW, invitando gli amici a firmare la Petizione #soslupo.
In occasione del World Wildlife day il Wwf ha anche realizzato un Dossier sulla specie «Cattivo a chi?» in cui si ripercorre la storia della tutela di questa specie in Italia e si svelano alcuni segreti sul comportamento e le strategie di convivenza possibili.
Un 3 Marzo dedicato alla specie più a rischio in Italia per ricordare che la biodiversità è fonte di ispirazione, di nutrimento ed è alla base di ogni nostra attività e perderla risulta solo un impoverimento delle nostre stesse società.

Elsa Sciancalepore

Tags: