Villaggio Globale

Villaggio Globale, mediante un sistema di articoli connessi fra loro e scritti da scienziati, docenti universitari o da divulgatori specializzati, affronta su argomenti monotematici i problemi che preoccupano l’attuale società e stanno mettendo in pericolo la vivibilità delle generazioni future.

Incomprensibile intervento regionale

La Puglia approva la legge taglia-ulivi

foto di Gianni Picella
foto di Gianni Picella

Prevede, in caso di piani urbanistici, la decadenza di vincoli degli uliveti monumentali. Dura nota del Wwf che preannuncia azioni in caso la norma non venga modificata. Il primo firmatario della proposta di legge è stato Fabiano Amati, seguito da Donato Pentassuglia, Giuseppe Romano, Mario Loizzo, Antonio Maniglio, Nicola Marmo, Ruggiero Mennea, Sergio Blasi, Maurizio Friolo, Francesco Damone, Salvatore Negro, Andrea Caroppo, Francesco Ognissanti, Aurelio Gianfreda, Donato Pellegrino, Antonio Martucci, Michele Ventricelli, Ignazio Zullo, Antonio Camporeale, Saverio Congedo, Giovanni Epifani

Continua lo strano comportamento della Regione Puglia verso la propria terra e la propria storia. Ci riferiamo agli ulivi monumentali, veri monumenti viventi e storici della tradizione. Evidentemente ci sono forze trasversali che non riescono ad essere bloccate, a giudicare dalle leggi presentate e dagli improvvisi e sorprendenti emendamenti che compaiono in fase di approvazione. E, quando si tratta di operare in maniera contraria alla volontà popolare, gli interventi sono sempre immancabilmente bipartisan ed in piena estate...
Pubblichiamo integralmente la dura nota pervenuta dal Wwf pugliese.

 

Con la Legge Regionale 19 luglio 2013, n. 19 «Norme in materia di riordino degli organismi collegiali operanti a livello tecnico-amministrativo e consultivo e di semplificazione dei procedimenti amministrativi» il Consiglio regionale pugliese compie l'ennesimo atto scellerato verso il paesaggio degli ulivi monumentali.
Già negli scorsi mesi era stata modificata la Legge Regionale 14/2007, una storica legge che aveva contraddistinto la Puglia quale unica regione in Italia a voler tutelare un patrimonio arboreo di eccezionale valenza, ma che alla luce di quanto avvenuto è stata di fatto derubricata ad un maldestro tentativo di accreditarsi all'opinione pubblica sotto le false spoglie di difensori dell'ambiente. Nel 2013, infatti, era stato approvato che, per piani attuativi di strumenti urbanistici generali approvati prima dell'entrata in vigore della L.R. 14/2007, non sussistevano i vincoli di monumentalità degli ulivi e degli uliveti.
Negli scorsi mesi, Wwf, Legambiente e Touring club italiano e Italia Nostra avevano protestato contro tali decisioni; la Regione, aveva difeso la posizione e la modifica della legge «per poter tutelare i diritti di chi possiede dei terreni edificabili, che a causa della legge del 2007 non possono essere utilizzati in tal senso» (così affermava l'assessore Nicastro in un'intervista di pochi mesi orsono).
Ebbene sì, dal 19 luglio di quest'anno, a tutti gli ulivi e agli uliveti monumentali pugliesi, tutelati dalla Legge 14/2007, decadranno i vincoli di tutela, nel caso venissero approvati piani attuativi di strumenti urbanistici generali (precedenti o postumi alla legge).
Questa notizia (è legge) è di una gravità inaudita; ancor più grave è il contesto normativo in cui è stata inserita; quanto sopra affermato è stato approvato nell'articolo 8 della L.R. 19/2009 che ha avuto come obiettivo precipuo il riordino e la semplificazione dei procedimenti amministrativi.
Sul sito istituzionale abbiamo appreso della proposta di legge nella quale però non c'era traccia dell'articolo 8, poi approvato con emendamento in Consiglio Regionale, di matrice politica bipartisan.
Il Wwf denuncia i gravi comportamenti del Consiglio Regionale contro la storia, la cultura e il paesaggio pugliese, rappresentato dagli esemplari di ulivo secolari. Il primo firmatario della proposta di legge è stato Fabiano Amati, seguito da Donato Pentassuglia, Giuseppe Romano, Mario Loizzo, Antonio Maniglio, Nicola Marmo, Ruggiero Mennea, Sergio Blasi, Maurizio Friolo, Francesco Damone, Salvatore Negro, Andrea Caroppo, Francesco Ognissanti, Aurelio Gianfreda, Donato Pellegrino, Antonio Martucci, Michele Ventricelli, Ignazio Zullo, Antonio Camporeale, Saverio Congedo, Giovanni Epifani.
Ove non venisse rimodificata la legge sugli ulivi monumentali, ripristinando la mission della legge originaria sin dal 2007, il Wwf ricorrerà nelle sedi opportune.

(Fonte Wwf)

Tags: